Adozione gay, Scilipoti Isgrò(FI): Rotta ordinamento è una sola

Roma, 10 mar. – “Disporre la trascrizione dell’avvenuta adozione con il conseguente riconoscimento nel nostro ordinamento degli effetti della stessa, equivale a negare le nostre leggi, i nostri principi e i valori della nostra storia”. Lo afferma il senatore di Forza Italia, Domenico Scilipoti Isgrò, in merito alla decisione del Tribunale di Firenze che ha deciso di ratificare l’adozione concessa in Gran Bretagna a una coppia dello stesso sesso. “Il dubbio è – aggiunge il senatore forzista – che il tribunale abbia ‘dimenticato’ di verificare la conformità della decisione all’ordinamento italiano. In questo caso hanno ritenuto che nell’ordinamento interno debbano essere inclusi principi che non appartengono alla legislazione italiana, come se ci fosse una lacuna legislativa, mentre la legge sull’adozione è molto chiara e segnala con precisione che il miglior interesse del bambino è avere genitori di sesso diverso. In questo modo è stato violato l’interesse sostanziale del minore perché non si è entrati nel merito della questione ma si è aggirato il principio di sovranità popolare. Ancora una volta assistiamo a un esempio di legislazione statale dirottata da alcuni nostri magistrati. E ci vanno di mezzo i bambini”.

Condividi