Incendi a Messina, Scilipoti Isgrò: “Servivano più risorse per prevenzione, nostro appello inascoltato”

“Avevamo preannunciato mesi fa il pericolo derivante dai tagli alle spese a protezione civile e vigili del fuoco per quanto riguarda alloggiamenti e mezzi pesanti. In questi giorni gli incendi di Naso, Castell’Umberto, Reitano, hanno messo in serio pericolo la popolazione e gli agricoltori. I tagli verticali fatti da Roma all’insegna di una spending review irrazionale, non hanno tenuto conto delle esigenze particolari dei monti che si espongono ai venti sahariani sul versante tirrenico siciliano. Già lo scorso 16 giugno la catastrofe preannunciata, questa volta ci siamo andati nuovamente vicino e l’estate è alle porte. Nonostante queste sciagure il governo ha deciso di tagliare ulteriormente i fondi per la Protezione Civile di ben 71 milioni di euro rispetto al 2016. Chiediamo che venga presa in considerazione un nuovo piano di finanziamenti per le strutture di prossimità pronte a intervenire in caso di incendi boschivi ed evitare così, attraverso le due fasi – di prevenzione e contenimento – i danni a paesi e coltivazioni locali. Non si rischia con la salute dei cittadini, servono necessariamente maggiori risorse per il comparto prevenzione incendi.” Lo dichiara in una nota il Senatore Domenico Scilipoti Isgrò di Forza Italia.