Migranti, Scilipoti Isgrò (FI): governo aiuti prima gli italiani “Migliorare il piano del Viminale”

Roma, 27 set. – “Non condividiamo il Piano nazionale per l’integrazione dei rifugiati, approvato dal Viminale, che riguarda 74.853 migranti. Questi ultimi avranno la possibilità così di ottenere alloggi, di accedere al welfare territoriale, di costruire nuove moschee con finanziamenti anche statali, al fine della promozione del dialogo religioso, mediante l’attuazione del Patto con l’Islam a livello locale. Il ministero dell’Interno ha previsto inoltre, nei confronti degli stranieri, “il sostegno alla creazione d’impresa, all’autoimpiego ” e aiuti per l’inserimento nel mondo del lavoro. Non condividiamo tali iniziative, dal momento che il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto in Italia a maggio, il 37% contro il 35,2% di aprile, l’aumento più consistente di tutta l’Unione Europea, mentre la media complessiva delle persone senza un impiego è superiore all’11%”. Lo dichiara in una nota il senatore di Forza Italia, Scilipoti Isgrò. “Non dimentichiamo poi – aggiunge l’esponente azzurro – dei nostri connazionali che, pur lavorando, vengono sottopagati o illusi mediate la promessa che riceveranno buste paghe, garantite da contratti, adeguate alle mansioni svolte. Il Partito Democratico mostra di essere incapace di risolvere tutte queste problematiche, mostrando invece la sua abilità nel calpestare, ancora una volta, la dignità e i diritti degli italiani, per provare a raccogliere qualche misero voto in più. La solidarietà – conclude Scilipoti Isgrò – non deve essere confusa con un’accoglienza senza regole, fonte di pericoli per l’identità cristiana che rappresenta uno degli elementi basilari della cultura della nostra amata Italia”.