Catalogna, Scilipoti Isgrò (FI): “Evitare guerra civile come negli anni 30”

Roma 16 ottobre – “La Spagna non deve ripiombare negli anni più bui della sua Storia come quelli della guerra civile, avvenuta tra il luglio 1936 e l’aprile 1939, tra i nazionalisti e i repubblicani. E’ importante quindi l’avvio, a tale fine, di una rapida soluzione pacifica della crisi in corso nel paese”. Lo dichiara in una nota l’esponente dell’assemblea parlamentare della Nato, Scilipoti Isgrò.

“Bisogna riavviare il dialogo, tra Barcellona e Madrid, – aggiunge il presidente di Unione Cristiana e senatore di Forza Italia – nel rispetto della legalità. E’ necessario tutelare infatti il principio internazionale dell’integrità territoriale dello stato e quello inerente all’autodeterminazione dei cittadini che vi risiedono. L’inizio di un eventuale conflitto in Spagna rappresenterebbe un drammatico evento e una nuova sfida per l’Unione Europea che, per la prima volta in tempo di pace, si troverebbe a fronteggiare ostilità causate dalla volontà di una secessione non concordata. Tutto ciò potrebbe suscitare anche nuove aspirazioni da parte di movimenti indipendentisti in diverse regioni, come ad esempio la Padania in Italia, la Corsica in Francia e la Scozia in Gran Bretagna, che provocherebbero una distruzione europea difficile da gestire pacificamente dalle grandi potenze mondiali.

Il popolo spagnolo e i suoi governanti – conclude Scilipoti Isgrò – offrano perciò un’autentica testimonianza cristiana mediante scelte sagge volte al raggiungimento del bene comune rappresentato dalla concordia nazionale che, in queste ore, è seriamente a rischio”.